Benvenuti nel nostro blog!

“Divoriamo chilometri come fossero libri e libri come fossero chilometri.”

Siamo Diego & Samantha, appassionati di viaggi e affamati di avventura, probabilmente proprio come te che sei capitato dalle nostre parti. Da quando ci siamo conosciuti organizziamo viaggi in giro per il mondo studiando itinerari e rotte su Internet, scovando i periodi migliori per ottenere il giusto compromesso tra qualità e prezzo e cercando sempre di privilegiare le esperienze rispetto al puro relax.

Destinazione Avventura è lo spazio dove condividiamo con voi consigli pratici, itinerari creativi, escursioni imperdibili e letture tematiche, con l’obiettivo di suggerirvi quanto di meglio possano offrire le località che abbiamo già visitato di persona: borghi incantevoli, spiagge isolate, paesaggi rurali, centri urbani o magari qualche libro che abbiamo letto e ci ha dato le dritte giuste per affrontare un nuovo viaggio.

Buon viaggio!

10 panorami mozzafiato da ammirare in bicicletta

Nel nostro Bel Paese si contano più di 18 mila chilometri di itinerari ciclabili: un trend questo che trae ispirazione da quanto già accade nei Paesi del Nord Europa, dove la bicicletta spopola da diversi anni (vedi Olanda o Danimarca).

Girando in un lungo e in largo si può scegliere tra vari tipi di percorsi: da quelli adatti a chi pratica sport quindi più impegnativi, a quelli legati ad itinerari culturali e spirituali, fino a percorsi più semplici adatti a chi approfitta di una bella giornata di sole per uscire dalla città e far un po’ di sano sport a contatto con la natura. Noi siamo un po’ una via di mezzo.

Uno dei nostri autori preferiti, Hemingway, grande estimatore dei viaggi, diceva che solo andando in bicicletta è possibile conoscere meglio i contorni di un paese, perché bisogna sudare sulle colline e andare giù liberi nelle discese. Solo così si riesce a ricordare come sono veramente.

Allora siamo pronti ad inforcare le nostre bici per andare insieme a scoprire gli itinerari più belli da percorrere nelle nostre regioni.

 

1. [TOSCANA] COSTA DEGLI ETRUSCHI

Costa degli Etruschi Pista ciclabile

Per andare a scoprire le bellezze paesaggistiche della Toscana percorrere “La Costa degli Etruschi” (denominata così per le numerose necropoli etrusche presenti principalmente tra il Golfo di Baratti e Populonia ) è il modo ideale, raggiungendo la splendida Val di Cornia per godere di vedute mozzafiato.

Di particolare rilievo è la caratteristica strada che da Sassetta porta a Suvereto, considerata una delle più belle d’Italia da percorrere in sella alla propria bicicletta.

Si parte da Livorno prendendo l’ondulata litoranea per raggiungere le bianchissime spiagge di Rosignano e poi spostarsi a Vada, meta prediletta per il turismo balneare.

Costeggiando il litorale all’ombra dei pini, si arriva a Marina di Cecina, da dove imboccando la vecchia Aurelia si raggiunge lo splendido borgo di Bolgheri.

Si tratta di un percorso abbastanza semplice, ad esclusione della salita del Passo di Bocca di Valle, la più ripida del percorso lunga circa 2 chilometri.

Parliamo comunque di uno degli itinerari più amati dai biker, che offre scorci di straordinaria bellezza. D’altronde siamo in Toscana, non potrebbe essere diversamente!

 

2. [LOMBARDIA – VENETO – TRENTINO ALTO ADIGE] GARDA BY BIKE

Lago di Garda Pista Ciclabile

Il Lago di Garda è da sempre uno dei paradisi dei cicloturisti in Europa, soprattutto per i visitatori provenienti dal Nord Europa che ogni anno lo raggiungono per godere del clima mite.

140 km a pelo d’acqua che ruotano intorno al lago di Garda: la “Garda by bike” è considerata una delle piste ciclabili più spettacolari d’Europa, grazie alla sua struttura ad impatto visivo leggero che si integra perfettamente con l’ambiente circostante e che vi darà la sensazione di pedalare sospesi sull’acqua.

Veramente spettacolare è il tratto fra Gargnano e Limone sul Garda, dove per 27 km circa il tracciato si inerpica sui pendii dei monti della Valvestino, un percorso questo perciò adatto solo ai più esperti.

Il progetto prevede che questa sia collegata con la Ciclovia del Sole e la Ciclovia Vento e una volta terminata offrirà un percorso lungo oltre mille chilometri.

Il modo più semplice per accedere alla ciclabile è lasciare l’auto nel parcheggio multipiano posto sul Lungolago Marconi e da qui proseguire con la propria bici oppure noleggiando un e-bike.

 

3. [TRENTINO ALTO-ADIGE] PISTA CICLABILE DELLA VAL VENOSTA

Val Venosta Pista ciclabile

La ciclabile della Val Venosta in Alto Adige (considerato una delle mete italiane specializzate nel turismo sostenibile) parte da Merano fino Resia per ben 83km ( che avrete sentito sicuramente nominare per il surreale campanile che emerge dal lago), passando in mezzo a frutteti, agriturismi, chiese e tanti boschi.

La pista ciclabile comincia con un percorso inizialmente piuttosto dolce arrivando prima a Lagundo e successivamente a Tel, dove invece bisogna percorrere un tratto di salita piuttosto impegnativo.

In seguito si segue il corso del fiume Adige, immergendosi tra piante di mele, vigneti e spettacolari boschi arrivando fino a Glorenza, piccolo comune a pochi km dal confine svizzero.

A questo punto si continua a salire tra spettacolari baite e malghe giungendo prima a Malles Venosta e successivamente a Resia.

Chi preferisce risparmiarsi qualche pedalata, può optare per il treno Alto Adige che parte da Merano e ferma a Malles.

 

4.   [UMBRIA] CICLOVIA SPOLETO – ASSISI

Assisi Spoleto pista ciclabile

La Ciclovia Spoleto-Assisi, progettata dal Consorzio della Bonifica Umbra e da questo realizzata, collega in poco più di 52 chilometri le due grandi Città Storiche dell’Umbria.

Si parte da uno dei luoghi più suggestivi dell’Umbria: Piazza della Basilica Inferiore, proprio ai piedi della Basilica di San Francesco e si sviluppa quasi per intero su strade di campagna e comunque con pochissimo traffico.

Si continua passando da Bevagna per poi costeggiare l’argine dei fiumi Teverone e Maroggia.

L’itinerario è completamente pianeggiante, escludendo 3 chilometri di sterrato tra Cannara e Cantalupo, offrendo scorci paesaggistici molto belli su borghi come Montefalco, Trevi, Pissignano.

Il percorso misura 26,6 chilometri e non presenta nessuna difficoltà altimetrica, costituendo così un’ottima occasione per avvicinarsi alle due ruote (adatto anche a famiglie con bambini).

 

5. [TRENTINO ALTO-ADIGE] CICLABILE VAL PUSTERIA

Val Pusteria Pista ciclabile

Chi trascorre le proprie vacanze in Alta Pusteria, deve assolutamente programmare una gita lungo la stupenda e panoramica ciclabile della Val Pusteria, partendo da Dobbiaco fino ad arrivare a Brunico, godendo delle bellezze naturali di Alto Adige e Sudtirol.

Tutto il percorso si svolge su strade quasi totalmente asfaltate, ciclabili, tunnel e brevi tratti di strade sterrate; inoltre, la rete ferroviaria ha diverse fermate lungo le località del percorso per chi volesse abbinare il treno alla bicicletta.

Si tratta di itinerari cicloturistici che seguono percorsi con scarso o addirittura nessun traffico automobilistico, assolutamente a misura di famiglia, con un percorso in leggera discesa ma ricco di strutture ricettive e locande dove rifocillarsi.

 

6. [TRENTINO ALTO-ADIGE] CICLABILE DELLA VAL DI SOLE

Val di Sole Pista ciclabile

I bikers hanno eletto la Val di Sole una delle loro mete preferite.

Del resto come dargli torto trattandosi di una delle valli più note e belle del Trentino.

Pedalare attraverso la valle è un’immersione tra scenari imponenti e maestosi sempre diversi, tra parchi e laghi.

Questo percorso si sviluppa quasi interamente lungo il percorso del Fiume Noce per 35 km, partendo da Cogolo di Pejo fino a raggiungere Mostizzolo.

Il periodo migliore per pedalare da queste parti va dalla tarda primavera all’inizio dell’autunno, quando è meno alta la probabilità di trovare neve.

Lungo la pista ciclabile della Val di Sole si incontrano le fermate della linea ferroviaria Dolomiti Express: sui treni è possibile trasportare bici al prezzo di 2€.

Stesso prezzo per usufruire del servizio Bicibus, utile soprattutto se volete avventurarvi in uno dei percorsi per mountain bike della zona.

 

7. [TRENTINO ALTO-ADIGE – AUSTRIA] CICLABILE DELLA DRAVA

San Candido Lienz Pista ciclabile

È una delle piste più amate e frequentate in Alto Adige, e anche la nostra preferita : la ciclabile della Drava, che va da San Candido a Lienz attraversando il confine.

Il percorso lungo 44 km è facile da superare ed è adatto anche alle famiglie (anche in questo caso si può scegliere di tornare comodamente in treno).

Il tour è molto interessante perché si possono “esplorare” 2 paesi (non dimenticate però il documento di identità): rimarrete conquistati da Lienz, con il suo carattere genuino, i tanti negozi, mercatini enogastronomici e i caffè.

Abbiamo inoltre un ottimo e goloso motivo per convincervi a pedalare: lungo la pista ciclabile potrete fare una “dolce” sosta alla fabbrica di Loacker per ricaricare le pile! Ti abbiamo convinto vero?

 

8. [PIEMONTE] VELOVISO

Monviso Pista ciclabile

Le valli montane e le cime che sono state protagoniste del Giro d’Italia e del Tour de France sono ora a portata di tutti grazie ai percorsi ciclabili che attraversano le terre del Monviso, chiamati VeloViso.

Sono circa 125 gli itinerari percorribili per un totale di 3000 km che si snodano sia su strada che su sterrato.

Andando nello specifico ad analizzare il versante italiano ( che ha da poco ottenuto il riconoscimento come area MaB Unesco), abbiamo 36 percorsi, di cui 21 per mountain bike, 9 destinati al cicloturismo su strada e 6 pensati per le famiglie.

Tutti i percorsi sono perfettamente attrezzati per ogni necessità del turista: riparazione, pulizia, noleggio e deposito bici.

Gli amanti dell’enogastronomia potranno anche seguire i consigli dell’Atlante dei Sapori che propone una guida di questi territori: cosa mangiare, dove mangiare e quali sono le ricette tipiche (il modo migliore per recuperare le calorie perse in bicicletta).

 

9. [FRIULI VENEZIA-GIULIA] CICLOVIA PEDEMONTANA E DEL COLLIO

Collio Pedemontana Pista ciclabile

La Ciclovia Pedemontana e del Collio è uno dei percorsi più gettonati dagli amanti delle due ruote perché offre la possibilità di visitare i luoghi più suggestivi del Friuli-Venezia Giulia in bicicletta.

L’itinerario si sviluppa per 163 km, partendo da Gorizia e giunti all’altezza di Montereale Valcellina, si può decidere se proseguire fino a Barcis oppure raggiungere la località di Budoia, a pochi chilometri dal Veneto.

L’itinerario consente di attraversare le zone pedemontane delle Alpi in bicicletta, lungo strade poco battute o suggestivi tracciati di campagna, attraversando riserve naturali protette e luoghi bellissimi fuori dai soliti itinerari turistici.

 

10. [TRENTINO ALTO-ADIGE] CICLABILI DELLE DOLOMITI DI FIEMME E FASSA

Val di Fiemme Val di Fassa Pista ciclabile

Ecco un altro percorso in Trentino da non farsi sfuggire: la pista ciclabile della Val di Fassa e della Val di Fiemme: in poco più di 41 km si attraversano due delle più belle valli del Trentino.

Inutile dire che il motivo d’interesse principale di questo percorso è paesaggistico: si pedala dopotutto nel cuore delle Dolomiti (Patrimonio dell’umanità).

Il percorso ciclabile è davvero tranquillo e panoramico restando spesso in mezzo al bosco.

Ricorda che se affrontata da Molina di Fiemme verso Canazei, la pista ciclabile presenta alcuni tratti in salita che potrebbero risultare impegnativi per famiglie con bambini.

Per raggiungere la pista ciclabile comunque, oltre alla bici, c’è anche un’interessante opzione: il Bike Express Fassa-Fiemme, un autobus che nel periodo estivo fa la spola fra le due estremità della pista ciclabile; se provenite da Trento, può essere un utile mezzo per coprire il dislivello in salita.

Ricorda che la due ruote è un vero toccasana per il corpo e per la mente: tonifica le gambe, potenzia la muscolatura e fa bruciare i grassi. Inoltre è un mezzo di trasporto ecologico, pratico e veloce.

 

Condividi e diffondi il tuo amore per l'avventura!
Go Top